CHI SIAMO

Irpinia Express è un progetto che parte dall’accordo stipulato tra Regione Campania e Fondazione FS, grazie al quale la Regione finanzia un numero di treni storico-turistici sulla tratta Avellino-Rocchetta SA.
E’ però anche un’evoluzione naturale del lavoro degli ultimi undici anni portato avanti dall’Associazione InLocoMotivi

Una sintesi di questi ultimi undici anni:

  • 29 ottobre 1995. 100° anniversario dell’inaugurazione della tratta.
    Viene effettuato un viaggio commemorativo in Locomotiva 740, organizzato dal giornale ALTAIRPINIA e dai giornalisti Iorlano e Palmieri.

  • 1995-1997
    L’Ente Provincia Avellino organizza e promuove due anni di viaggi turistici in treno, sia sulla tratta Avellino-Rocchetta SA che sulle tratte verso Benevento e verso Salerno.

  • 1997-2009
    Piccoli gruppi si organizzano autonomamente per effettuare piccole escursioni nel territorio irpino usando il treno come mezzo.

  • 1 settembre 2009: Riapertura annuale delle corse dopo l’usuale chiusura estiva.
    Usando il social network Facebook gli appassionati della linea si incontrano in stazione per fare il viaggio insieme fino a Rocchetta e ritorno. Persone diverse per provenienza geografica e professione. Alcune di loro formano il gruppo di lavoro di InLocoMotivi.
    Il primo documento prodotto è una proposta di rilancio della linea: (mettere la proposta).

  • Settembre 2009 – Dicembre 2010.
    Inlocomotivi sottopone la proposta a Regione Campania e ACAM che, grazie alla direttrice Anna Donati, senatrice italiana, esperta di trasporto sostenibile e sensibile al problema, approvano e concedono 18 corse domenicali, in orario, dal 31 ottobre 2009 al 27 giugno 2010, con partenza 6.30 am da Avellino a Rocchetta. La partecipazione è inaspettata.
    Dopo la pausa estiva e prima ancora che sia resa ufficiale la data di riapertura i posti dei primi viaggi turistici sono già sold out.

  • Il 5 settembre 2010 il treno riparte per un nuovo anno di viaggi.
    Tra i treni in programma, anche molti treni didattici. La sensibilizzazione della fascia d’età scolare è stata per InLocoMotivi sempre un goal e accanto ai treni strettamente turistici ha sempre organizzato treni didattici per permettere agli studenti di ogni ordine e grado di conoscere la propria terra, attraverso un mezzo che copre geografia e storia in un’unica modalità, quella del viaggio e della scoperta.

    I numeri:
    – 1 pagina Facebook,
    – qualche comunicato stampa
    – due locomotive da 120 posti
    – 20 viaggi effettuati
    – 2000 viaggiatori

    I numeri e l’entusiasmo dei viaggiatori mostrarono il potenziale che avevamo intuito e che manca solo una offerta strutturata.
    Purtroppo un cambio di vertice in seno all’Assessorato ai Trasporti in Regione modifica la politica anche nei confronti dell’Avellino-Rocchetta che viene sospesa per ragioni di tipo economico.

  • 13 dicembre 2010. Ultimo viaggio prima della sospensione.
    Per InLocomotivi inizia da questo momento un lavoro più impegnativo affinchè la sospensione non porti ad una chiusura. Inizia una campagna di sensibilizzazione, una propaganda continua e costante per diffondere la conoscenza della linea e della sua storia. InLocoMotivi aderisce a Co.Mo.Do. poi divenuta A.Mo.Do. (Alleanza per la Mobilità Dolce).
  • 2013. Nasce Fondazione FS e il turismo slow.
    Una nuova sensibilità si fa strada prima in Europa e poi in Italia riguardo l’uso di mezzi lenti e/o rispettosi dell’ambiente per viaggiare. Bici, cammino e ferrovie, diventano i mezzi della nuova modalità di viaggio slow. Le ferrovie storiche che attraversavano paesaggi di pregio diventano un mezzo anche affascinante per conoscere i paesaggi dell’Italia interna. Nello stesso anno l’archivio delle Ferrovie dello Stato si trasforma in Fondazione FS e il direttore è un giovane ingegnere appassionato di ferrovie e treni storici treni, Luigi Francesco Cantamessa che porta avanti un progetto di valorizzazione delle tratte storiche italiane. L’Avellino Rocchetta è una di queste.

  • 2015. I documentari e i film.
    Nascono gruppi di supporto, persone che dedicano parte del loro lavoro alla linea. Vengono pubblicati articoli, prodotti film come Ultima Fermata di Giambattista Assanti e documentari come Avellino Rocchetta. Sospensione di viaggio di Michele Citoni.

  • 2016. Vinicio Capossela e lo Sponz Fest.
    Vinicio Capossela dedica al treno il suo Sponz Fest e grazie anche al suo impegno, nel 2016, durante l’annuale appuntamento il treno parte da Foggia per fermarsi nella stazione di Calitri e in quella di Conza-Andretta-Cairano.

  • 2016. La dichiarazione di notevole interesse del MiBACT.
    Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, grazie al lavoro svolto dalla Soprintendenza di Avellino con il supporto e la collaborazione dell’Università di Napoli Federico II e di InLocoMotivi, dichiara di notevole interesse l’intero tracciato della linea ferrata Avellino-Rocchetta insieme alle sue opere d’arte, ponti e gallerie.

  • 2017. La legge sulle ferrovie turistiche.
    La linea, sempre grazie allo strenuo lavoro di InLocoMotivi, rientra tra le prime 18 ferrovie turistiche istituite dalla legge 9 agosto 2017 n.128 Disposizione per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico.

  • 2018. La riapertura della linea.
    Regione Campania modifica la politica nei confronti del trasporto ferroviario e in particolare di quello storico turistico e in accordo con Fondazione FS finanzia la riapertura totale della linea e corse turistiche a cadenza costante.

  • Dal 2018 ad oggi. Il progetto turistico.
    Dalla riapertura InLocoMotivi si occupa dell’organizzazione di treni turistici in Irpinia, in costante collaborazione con il territorio, con i Comuni, le ProLoco e le associazione territoriali.
    Continua a portare la ferrovia nella scuola attraverso progetti che oltre a mettere a conoscenza gli studenti del patrimonio provinciale, cerca di innescare un meccanismo che porti gli studenti a riconoscere le potenzialità territoriali e a provare a progettare con esse.
    La propaganda per la riapertura della strada ferrata, la proposta di restituirle un ruolo come mezzo turistico, il lavoro di supporto alle istituzioni affinché rientrasse nelle 18 tratte della prima legge italiana sulle ferrovie turistiche e affinché venisse dichiarata bene culturale sono battaglie che hanno raggiunto tutte il proprio risultato. Oggi che è riaperta nella sua completezza, che è un bene culturale e una ferrovia turistica nazionale, l’Avellino-Rocchetta ha necessità di valorizzazione e promozione. Per questo motivo, la mission di InLocoMotivi cambia e si evolve in un progetto che usa il treno come “mezzo” per il marketing del suo territorio.

    Una sorta di “laboratorio” che coinvolge il territorio attraverso associazioni, pro loco, amministrazioni pubbliche, aziende, consorzi e si arricchisce dell’esperienza di giovani aziende come Lefty Marketing nel 2019 che crea la nuova veste grafica e promozionale e, dal 2020,  Pallenium Tourism & Service, Agenzia Turistica e Tour Operator che da anni si occupa della promozione della Transiberiana d’Italia. L’intento è di offrire un’esperienza a chi per la prima volta arriva in Irpinia, ma anche a chi stando in Irpinia vuole approfondire la conoscenza delle sue bellezze naturali, paesaggistiche, storico-architettoniche ed enogastronomiche, in una modalità “slow”.

    Lasciando a casa l’orologio e l’idea di “avere un appuntamento”, Irpinia Express diventa un viaggio esperienziale, un tuffo nel verde, nei boschi, correndo al fianco di cascate, passeggiando per i borghi storici, sorseggiando vini; un paesaggio mutevole dal finestrino di un treno e il tempo per osservarne le caratteristiche: le colline dei vigneti delle Doc.g, le valli dei fiumi Sabato e Calore, le alture del Parco Regionale dei Monti Picentini, le colline meno accentuate che dolcemente sfumano nel letto dell’antico Ofanto. Tutto questo stando seduti su un mezzo storico, elegantemente restaurato da Fondazione FS, dondolando sui binari, attraverso gallerie e su ponti della magnifica ingegneria ottocentesca.

    Questa è l’Avellino-Rocchetta SA e questo è solo l’inizio dell’esperienza che vi aspetta.

PARTNER DEL PROGETTO

Consiglio-Regionale-Campania
Fondazione-Fs
Tourin-Club-Italiano
In-Loco-Motivi
Amodo